13ott

CRISI ENERGETICA, LA RICHIESTA DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA NICOLA GATTA: “SUBITO UNA NORMA PER TAGLIARE LE BOLLETTE DI FAMIGLIE ED IMPRESE DELLA CAPITANATA”

13 ott, 2022 | Comunicati Stampa | View Counts (1513) |

“La crisi energetica che sta colpendo Enti locali, imprese e famiglie è un’emergenza senza precedenti. Un problema che rischia seriamente di compromettere la regolare erogazione dei servizi pubblici e di mettere in ginocchio il sistema economico provinciale, oltre a minare la tenuta sociale delle nostre comunità alla luce delle difficoltà delle fasce più deboli della popolazione”. È il commento del presidente della Provincia, Nicola Gatta, alla delicatissima situazione vissuta dal ‘sistema Capitanata’ in conseguenza dell’aumento dei prezzi per l’approvvigionamento energetico.

“Per comprendere quanto sia grave la situazione basti pensare, ad esempio, che per la Provincia di Foggia i costi relativi alle spese energetiche, tra energia elettrica e gas, sono passati dai circa 3 milioni 400mila euro del 2021 ai circa 7 milioni 500mila euro stimati per il 2022 – spiega il presidente dell'Ente di Palazzo Dogana –. Costi solo molto parzialmente compensati dagli aiuti del Governo, del tutto insufficienti rispetto alle esigenze reali”. 

“La Capitanata, da questo punto di vista, è una provincia leader in Italia e nel Mezzogiorno per la produzione di energia, innanzitutto da fonti rinnovabili – ricorda il presidente della Provincia –. Mentre si continua ad autorizzare l’insediamento di nuovi impianti sul territorio, però, non si vedono ancora i benefici concreti del sacrificio, in particolare sul piano ambientale, compiuto dalle nostre comunità”. 

“Occorre immediatamente una norma che restituisca alla nostra provincia una compensazione che produca un ristoro economico da destinare al sostegno di famiglie ed imprese ormai con l’acqua alla gola  – dichiara Nicola Gatta –. Le royalties derivanti dalle attività estrattive e dalla produzione energetica da fonti rinnovabili devono essere assegnate alle aree che si fanno carico di ospitare gli impianti e le estrazioni”.

“La strada da percorrere può essere quella tracciata dalla Regione Basilicata – evidenzia il presidente della Provincia – che ha approvato una legge attraverso cui è stato previsto, negoziando i termini della compensazione ambientale con le concessionarie degli impianti estrattivi di idrocarburi sul territorio, il rimborso della componente energia del prezzo del gas per le utenze domestiche dei propri residenti”

“La Capitanata, soprattutto in questa fase drammatica, non può più continuare ad essere una terra ricchissima nella produzione energetica – conclude Nicola Gatta – ma a cui, paradossalmente, continuano ad essere riconosciuti pochi spiccioli”. 

Articoli correlati

AVVISO AL PUBBLICO - PRESENTAZIONE ISTANZA PER L’AVVIO DEL PROCEDIMENTO DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

Realizzazione di un impianto eolico costituito da 10 aerogeneratori, ciascuno di potenza nominale pa...

IL PRESIDENTE NICOLA GATTA: METTIAMO A DISPOSIZIONE DEL GOVERNO CAPANNONI DISMESSI E LOTTI LIBERI IN AREE ASI, PER FRONTEGGIARE L’EMERGENZA CORONAVIRUS

Con nota inviata in data odierna al Presidente Giuseppe Conte ed al Commissario per il COVID-19, Dom...

AVVISO AL PUBBLICO - cod. prat.:2023 /00289 /VIA_PAUR - PRESENTAZIONE ISTANZA PER L’AVVIO DEL PROCEDIMENTO DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

Realizzazione progetto Strada Regionale n. 1 'Poggio Imperiale - Candela': adeguamento del t...

ELENCO DEGLI IDONEI DELL'ESAME DI IDONEITA' ALLA PROFESSIONE DI TRASPORTATORE SU STRADA DI MERCI E PERSONE PER CONTO TERZI ANNO 2020/21

Si pubblicano gli elenchi dell'esame alla professione di trasportatore su strada di merci e pers...

INTEGRAZIONE ORDINANZA N. 7/2022

Oggetto: Strada Provinciale n. 130 (Tratto Tertiveri - Alberona)Integrazione dell’ordinanza di...

Categorie

Archivio per mese

Cerca notizie e comunicati

Cerca tramite parola chiave o frase

Cerca per data di pubblicazione