Numeri utili e contatti

torna al menù veloce

Portale Sintesi

Servizio Civile




Territorio

Sportello Telematico Unificato

Oda teatro

Europa amica

MOTTA MONTECORVINO

Scheda comune
La storia
MottaMOTTA MONTECORVINO

Questo centro nacque in seguito all'esodo degli abitanti all'antica città di Montecorvino, distrutta, nel 1137 ad opera del re normanno Ruggero II. Ricostruita e di nuovo abbattuta da Ladislao II nel 1332 e nel 1441 da Alfonso d'Aragona, Montecorvino fu definitivamente abbandonata dopo il terremoto del 1452. Della città antica restano oggi una torre (ribattezzata in tempi più recenti, per la sua forma curiosa, "la sedia del diavolo"), la Chiesa di S. Alberto, e labili tracce di un antico muro di cinta a cinque porte, delle quali ne sono rimaste in piedi tre, oltre ad una serie di vicoli caratteristici, sormontati da archi di accesso, che conferiscono al paese un innegabile fascino medievale. Da vedere, in paese, la Chiesa Parrocchiale, dedicata a San Giovanni Battista e risalente al XV secolo, con la sua bella facciata in pietra a capanna adorna di un rosone e la secolare "quercia di San Luca", autentico monumento vegetale del Subappennino. Chi ama la natura e i suoi silenzi infine, può raggiungere il Monte Sambuco (m. 996) che, distante sette chilometri dall'abitato, costituisce una tappa intermedia del sentiero che conduce dal "Toppo della Loggia" alla "Pila del Ladro" nel territorio di Pietra Montecorvino. Da qui è possibile ammirare un ampio e bel panorama.

Sito web comune - vai
 

torna al menù veloce

Newsletter

Newsletter




torna al menù veloce
webtv diretta video archivio delle sedute del consiglio provinciale

ACF

Mobilità & Disabili

SUA - Stazione Unica Appaltente

Verifica Impianti Termici

Scuola di Protezione Civile

Ufficio Europa

Focus Europe

Patto dei Sindaci

Linea Amica

Audio Video

Arcadio

Offerte Lavoro

Magna Capitana
Sportello linguistico provinciale