Numeri utili e contatti

torna al menù veloce

Portale Sintesi

Servizio Civile




Territorio

Sportello Telematico Unificato

Oda teatro

Europa amica

ACCADIA

Scheda comune
La storia
AccadiaACCADIA
Accadia, situata nella parte meridionale del Subappennino Dauno a 650 m s.l.m., apparteneva al territorio della provincia di Avellino e solo nel 1927 è passato alla Capitanata. Le sue origini risalgono all'inizio del millennio: già nel 1124 esisteva il borgo medievale di Eca che un violento terremoto distrusse nel 1456. Oggi restano alcune tracce nelle rovine di un castello e della stazione Rotato, diramazione della via Appia. A Napoli il Maschio Angioino conserva nei suoi musei la grande porta bronzea che permetteva l'accesso alla città attraverso le mura di cinta. Teatro di numerosi saccheggi, disastrosi incendi e terremoti, Accadia passò nel 1640 alla potente famiglia dei Caracciolo del Balzo di cui divenne feudo. Successivamente fu sotto i Recco e poi ancora dominio dei Dentice. L'ultimo terremoto nel 1930 provocò la distruzione del sito e fu causa dell'emigrazione che portò oltre oceano gran parte della popolazione.. Una parte della sua storia è ancora racchiusa tra le pietre del rione Fossi, oggi completamente disabitato, dove case scavate nella roccia testimoniano un passato che ha forse qualche analogia con i più noti "Sassi" di Matera. Bellissimi il Bosco della Difesa fra Accadia e Deliceto - dove si trova una quercia millenaria e molte sorgenti d'acqua dolce - e il bosco Serbaroli al confine con la cittadina di Sant'Agata di Puglia.

 
Sito web comune - vai
 

torna al menù veloce

Newsletter

Newsletter




torna al menù veloce
webtv diretta video archivio delle sedute del consiglio provinciale

ACF

Mobilità & Disabili

SUA - Stazione Unica Appaltente

Verifica Impianti Termici

Scuola di Protezione Civile

Ufficio Europa

Focus Europe

Patto dei Sindaci

Linea Amica

Audio Video

Arcadio

Offerte Lavoro

Magna Capitana
Sportello linguistico provinciale