Numeri utili e contatti

torna al menù veloce

Portale Sintesi

capitanata in musica

Servizio Civile

Daunia da favola

Festival

Politiche sociali

Territorio

Sportello Telematico Unificato

Oda teatro

Europa amica

Roxana

Presentato il corso "BLS-D" (supporto base alle funzioni vitali e defibrillazione precoce) rivolto a 30 dipendenti dell'Amministrazione provinciale

data: 20.04.2012

ora: 15:47:00

“La Provincia di Foggia ha inteso recepire e sostenere una importante iniziativa volta a diffondere la cultura del primo soccorso all'interno dei luoghi di lavoro e che punta ad istruire i dipendenti dell'Amministrazione provinciale che parteciperanno al corso di BLS-D ad essere abili nelle pratiche della rianimazione cardiopolmonare di base e della rianimazione precoce”. E' quanto affermato dall'assessore provinciale alle Risorse umane con delega alla sicurezza sui luoghi di lavoro, Gabriele Mazzone, nel corso della conferenza stampa di presentazione, svoltasi stamane nella Sala Giunta di Palazzo Dogana, del primo corso di “BLS-D” (Basic Life Support and early Defibrillation), promosso dagli assessorati provinciali al Lavoro e Formazione professionale e alle Risorse umane in collaborazione con l'associazione “Lavorare sicuro” di Foggia e l'Asso.Sicurezza di Bari (Associazione Nazionale Pro Lavoro e Sicurezza) e rivolto a 30 dipendenti della Provincia di Foggia.
All'incontro con gli organi di informazione hanno preso parte, inoltre, il presidente “A.La.Si.” di Foggia, Francesco Paolo D'Ambrosio; il presidente dell'Asso.Sicurezza Bari, Vito D'Alano; il direttore dell'Inail di Foggia, Lorenzo Ieva; il dottor Matteo Carone di Asso.Sicurezza; il dirigente del personale della Provincia di Foggia, Geppe Inserra; il direttore generale dell'Amministrazione provinciale, Vincenzo Morlacco e la vicepresidente di Asso.Sicurezza, Cristina Diana.
“Questa Amministrazione provinciale, nella sua azione di governo del territorio, ha sempre prestato grande attenzione a tutto ciò che riguarda il mondo del lavoro. – ha commentato l'assessore provinciale alle Formazione professionale e alle Politiche del lavoro, Leonardo Lallo – Non solo occupazione e formazione, dunque, ma anche il tema della sicurezza non poteva certo essere tralasciato. Esistono ormai da tempo precisi obblighi di legge che, se rispettati in pieno e in tutti i settori, permetterebbero di evitare le numerose morti bianche con le quali siamo costretti a confrontarci ogni anno. Essere formati e pronti ad affrontare emergenze improvvise attraverso la conoscenza delle tecniche fondamentali di prima rianimazione, quindi, è un dovere morale prima ancora che un obbligo poiché la vita umana è preziosa e come tale va salvaguardata non tralasciando mai nulla al caso. Ed è con grande soddisfazione – ha concluso Lallo – che registriamo già da subito numerose richieste di partecipazione a questo corso da parte dei dipendenti della Provincia di Foggia. I posti disponibili sono solo 30 ma ci attiveremo affinché questa preziosissima esperienza, che abbiamo voluto organizzare con l'ausilio dell'Associazione “Lavorare sicuro” e dell'Asso.Sicurezza, possa essere replicata successivamente alla giornata dell'11 maggio con la sua 8 ore di corso all'esito del quale sarà rilasciato un attestato di partecipazione”.
Il corso è finalizzato alla preparazione e all'addestramento del personale della Provincia di Foggia in caso di arresto cardio-respiratorio e di soffocamento, al “RCP” (rianimazione cardiopolmonare precoce) con l'ausilio del defibrillatore automatico esterno (“DAE”). E' ormai provato che un precoce utilizzo del defibrillatore automatico esterno, infatti, permette un incremento considerevole dei tassi di sopravvivenza negli arresti cardiaci, grazie alla facilità e alla sicurezza del suo uso. La terapia elettrica diventa una reale priorità terapeutica da cui deriva l'esigenza di considerare la defibrillazione come parte integrante del “BLS”, acronimo di “Basic Life Support and early Defibrillation”, cioè delle manovre da compiere in caso di arresto cardiaco. Lo scopo del “BLS” è quello di garantire il pronto riconoscimento del grado di compromissione delle funzioni vitali e di supportare ventilazione e circolo fino al momento in cui possono essere impegnati mezzi efficaci e correggere le cause che determinano l'arresto. L'obiettivo principale del “BLS” consiste nella prevenzione dei danni anossici cerebrali attraverso procedure standardizzate di rianimazione cardiopolmonare atte a mantenere la pervietà delle vie aeree, sostenere la respirazione e il circolo ogni qualvolta si verifichi un'improvvisa cessazione dell'attività respiratoria e della pompa cardiaca. A questo obiettivo si aggiunge quello di un precoce riconoscimento ed intervento sui ritmi defibrillabili. Le manovre “BLS-D” evitano il rapido instaurarsi di danni cerebrali.

autore: Antonello Abbattista

Indietro

torna al menù veloce

Newsletter

Newsletter




torna al menù veloce
webtv diretta video archivio delle sedute del consiglio provinciale

Agricoltura Dauna

SUA - Stazione Unica Appaltente

Forum Agricoltura

Verifica Impianti Termici

Scuola di Protezione Civile

Ufficio Europa

Focus Europe

Patto dei Sindaci

Linea Amica

Audio Video

Concorso lirico Umberto Giordano

Arcadio

Formazione

Offerte Lavoro

Girolio

Capitanata 2020

Ambiente

Magna Capitana

Reciproca

Marcone

Università terza età

Sportello linguistico provinciale